L’orecchio esterno


orecchio_esternoLa parte visibile dell’orecchio è il padiglione auricolare, che convoglia nel canale uditivo (n. 1) le onde sonore che gli pervengono. Le onde sonore proseguono verso il timpano (n. 2), situato alla fine del canale uditivo, provocandone la vibrazione.

 

 

 

L’orecchio medio


orecchio_medioLe vibrazioni passano dal timpano all’orecchio medio, che contiene i 3 ossicini più piccoli del corpo umano; sono chiamati martello (n. 3), incudine (n. 4), e staffa (n. 5).

Quando il suono raggiunge questi ossicini, anch’essi iniziano a vibrare amplificando la vibrazione e la trasmettono all’orecchio interno.

 

L’orecchio interno


orecchio_internoLe onde sonore raggiungono l’orecchio interno, che è chiamato coclea (n. 8) perché ricorda la conchiglia di una chiocciola formato da tre camere che contengono la linfa (perilinfa ed endolinfa) e migliaia di cellule provviste di piccoli peli, le cosiddette cellule ciliate.

Le vibrazioni del suono provocano il movimento delle ciglia di queste cellule che trasformano le vibrazioni in segnale; attraverso il nervo uditivo (n. 9) questo segnale è inviato dalla chiocciola al cervello, che lo interpreta e lo trasforma in sensazione auditiva.